L’idea di scrivere questo articolo mi è venuta da una esperienza personale: cercavo un medico specialista e, come spesso si usa fare, ho chiesto consiglio in un gruppo su Facebook.

Tra i vari nomi consigliati ne emergeva uno in particolare come particolarmente capace. A quel punto ho voluto verificare due condizioni:

  • se quel medico fosse veramente un medico iscritto all’albo
  • se quel medico avesse la specializzazione richiesta per esercitare la visita specialistica richiesta.

Ebbene: il risultato mostrato dalla ricerca ha soddisfatto il primo requisito, mentre il secondo risultava assente.

Va da sé che ho cercato un’altro medico specialista e, in seguito ad ulteriore verifica, questa volta positiva per entrambe le condizioni, l’ho scelto per la visita ed il successivo intervento.

Di seguito vi mostrerò come è semplice verificare se un medico è effettivamente quello che dichiara essere anche perché, a quanto pare, l’esperienza riportata in cronaca non è scevra da casi di medici chirurghi e odontoiatri colti ad un continuativo e colpevole esercizio abusivo della professione medica.

Abusivi pescati ad esercitare la professione medica

L’art. 348 del Codice Penale dispone che “Chiunque abusivamente esercita una professione per la quale è richiesta una speciale abilitazione dello Stato è punito con la reclusione da sei mesi a tre anni con la multa da euro 10.000 a euro 50.000.

Nonostante la pena la cronaca riporta periodicamente di casi di esercizio abusivo della professione medica da parte di impostori non solo non iscritti all’albo medici nazionale ma addirittura senza nemmeno aver conseguito la laurea in medicina.

Di seguito soltanto un esempio di qualche titolo di giornale degli ultimi giorni:

  • Torino, falso medico faceva tamponi rapidi e prelievi venosi: misura cautelare nei suoi confronti (Corriere Etneo, 14 Maggio 2021)
  • Esercizio abusivo della professione medica, sequestrato un intero immobile
    Ekuo News, 6 maggio 2021)
  • Vercelli, esercizio abusivo della professione medica: guai per un centro tamponi (TgVercelli.it, 14 maggio 2021)

Come vedere se un medico è iscritto all’albo

Il modo più semplice per sapere se un medico è iscritto all’albo e quale specializzazione eventualmente ha conseguito è quelli di collegarsi al sito web ufficiale della Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri (Fnomceo).

La Federazione suindicata è un ente che raccoglie tutti gli ordini professionali dei medici chirurghi e odontoiatri delle province della Repubblica Italiana e nel sito ufficiale presenta un motore di ricerca che permette la consultazione delle iscrizioni dei medici e degli odontoiatri.

I medici che hanno effettuato regolare iscrizione all’ordine possono essere sottoposti a procedimento disciplinare ex decreto legge “dpr n.221 del 5 aprile 1950”.

Guida passo passo: come controllare se un medico è iscritto all’ordine

  1. Cliccare sul sito ufficiale della FNOMCEO (qui il link)
  2. Cercare nella barra laterale destra il link alla Ricerca Anagrafica (qui il link della pagina di ricerca)
La Schermata del motore di ricerca dei medici iscritti all'albo
La schermata del motore di ricerca dei medici iscritti all’albo

La pagina di ricerca avvisa che “è obbligatorio inserire il ‘Cognome’ completo del professionista ricercato; per il ‘Nome’ ne è invece sufficiente una parte.” 

Inoltre, “Se si ricerca un professionista il cui cognome contiene una lettera accentata, potrebbe essere necessario effettuare più di una ricerca seguendo le seguenti indicazioni: sostituire la lettera accentata con la medesima lettera seguita da un apostrofo (es. Donà -> Dona’); sostituire la lettera accentata con la medesima lettera senza accento (es. Donà -> Dona). Questo risulta necessario a causa di possibili difformità nell’invio dei dati da parte degli Ordini di appartenenza.” 

Lette queste premesse :

  1. inseriamo il cognome del medico, unico campo obbligatorio richiesto ben potendo evitare di indicare il nome e la data di nascita (che non è detto si conosca).
  2. Per restringere il campo si consiglia di inserire la provincia nell’apposito campo anche se non è obbligatorio

Premendo sul pulsante “Cerca” apparirà un elenco dei medici iscritti all’albo aventi il cognome indicato.

In particolare apparirà una tabella indicante il nome, il cognome, data e luogo di nascita, l’ordine provinciale di appartenenza.

individuato il nome del medico basta cliccarci sopra per vedere la sua scheda che indicherà la data di iscrizione all’ordine, le lauree conseguite, le abilitazioni e le specializzazioni (se presenti).

In questo modo possiamo prendere coscienza da fonte certa se, per esempio, il medico di medicina generale ha effettivamente la specializzazione che dichiara.

Semmai si potesse dare un suggerimento alla Federazione Nazionale dei Medici, sarebbe bene avere tra i dati un indirizzo mail del medico per inviare, a titolo di esempio, una raccomandata via pec o semplicemente chiedere la possibilità di un consulto medico.

Come controllare se un medico è iscritto all’albo provinciale

Il sito della Fnomceo non è l’unico modo per verificare l’iscrizione all’albo di un medico.

Esistono, infatti, anche i siti web degli Ordini Provinciali anch’essi che, oltre ad informazioni territoriali e importanti come vaccinazioni anti covid ed altro, permette la ricerca dell’iscrizione all’ordine provinciale dei medici.

Riportiamo di seguito un link che offre gli indirizzi dei siti web dei vari ordini provinciali dei medici e odontoiatri.

https://www.ordinemedicilatina.it/elenco-indirizzi-siti-web-ordini-dei-medici-e-degli-odontoiatri-in-italia/